Stazzema, 19 giugno 1996/2016: il ricordo di Alessandro Moni, volontario Anpas

Pubblicato il 20/06/2016 in Alluvione

StazzemaFonte: www.anpas.org

A cura di: Redazione Anpas

Ricordo tanti momenti: eravamo a Cardoso già da un po’ di tempo e ad un certo punto cominciò a piovere in modo spaventoso e noi restammo isolati. I fiumi si alzarono e l’acqua veniva giù dalla montagna e le persone erano rimaste bloccate al momento della seconda esondazione e noi eravamo lì con loro. Ricordo la chiesa di Cardoso trasformata in mensa per tutti dove i volontari e i cittadini mangiavano nella pausa pranzo e il prete che diceva: “adesso veramente è la casa del Signore, la casa di tutti”, poi la sera, dopo un giorno di lavoro tornavamo a Ponte Stazzemese. Ricordo che tagliavamo l’erba lungo le strade dove costituiva ostacolo per l’acqua.

Ricordo la domenica quando eravamo costretti a fare da filtro con l’arrivo dei curiosi che andavano a disturbare le persone e il caffè che ci offrivano le persone di Stazzema mentre lavoravamo. Io ho una formazione che viene dagli scout, un modello funzionale di organizzazione e in quel periodo c’era ancora un po’ di improvvisazione, ma fu anche uno stimolo ci ha portati a fare sempre meglio. L’alluvione di Stazzema ci ha insegnato il senso del coordinamento, soprattutto con gli enti locali: ci siamo messi completamente a disposizione del comune di Stazzema, che era il comune più in difficoltà. In alcuni casi i volontari si sono occupati anche di supportare la segreteria del sindaco, del trasporto nelle scuole. Avevamo poche attrezzature, qualche jeep e poco altro, ma siamo riusciti a destreggiarci bene allo stesso. Ricordo Moscardini e Galanti e la tantissima collaborazione per allestire e gestire il primo COM a Seravezza.

Se dovessi sottolineare una nostra caratteristica è che ogni nostro intervento è durato nel tempo che non si è mai esaurito con la fine dell’emergenza e che il legame con la comunità locale è sempre stata una nostra peculiarità.

È stata una storia vissuta faccia a faccia, fianco a fianco con le persone di Stazzema, una simbiosi completa: tutto è stato fatto con loro. E la cosa più bella è che poi è nata la Pubblica Assistenza di Stazzema: da una tragedia è nata una risorsa. Dopo essere stata costituita e aver ricevuto l’aiuto da tutta l’Anpas anche dopo la fondazione, infatti, ha poi rigirato tutto ciò che ha ricevuto a chi aveva bisogno: è stata anche in Albania, in Pakistan, ovunque ci fosse bisogno. E questa è una cosa bella: all’indomani di un disastro simile siamo riusciti a mettere in condizione di dare aiuto a chi, prima, aveva avuto bisogno di aiuto.

C’è una foto di una lapide che fu messa dai cittadini sul cimitero di Cardoso che dice: “Nel 1996 in memoria delle vittime dell’alluvione, la solidarietà di tanti e l’impegno del volontariato Anpas ha permesso di sottrarre questo luogo alla situazione e restituirlo alla pietà”. Ecco: ci siamo occupati anche di questo.

– Alessandro Moni, 19 giugno 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *