Come candidarsi

Contenuto bloccato! Per la visualizzazione è necessario accettare i cookie.

 

Quest’anno Io non rischio si svolge in un’unica giornata, sabato 14 ottobre 2017, in tutti i 107 capoluoghi di Provincia. Ciascun capoluogo ospita un evento (in un’unica piazza o in luoghi vicini collegati), che riunisce tutte le organizzazioni di volontariato di protezione civile della provincia che si candidano per l’edizione 2017. Una giornata di incontro e di discussione in piazza con i cittadini, finalizzata all’informazione sui rischi e alle scelte che ogni cittadino e ogni comunità può fare fin da subito per ridurli. Un’esperienza straordinaria di condivisione e collaborazione fra organizzazioni di volontariato diverse, con l’obiettivo comune di diffondere le buone pratiche di protezione civile. Dopo gli eventi che hanno colpito il Centro Italia – che testimoniano tragicamente la fragilità del nostro territorio – la prevenzione dei rischi assume oggi un ruolo ancora più importante.
a) organizzazioni che non hanno mai partecipato alla campagna
b) organizzazioni che hanno partecipato alle edizioni 2015-2016 e che sono state formate dai formatori nazionali Io non rischio
c) organizzazioni che hanno partecipato alle edizioni 2011, 2012, 2013, 2014, in cui i partner della campagna hanno formato direttamente un piccolo nucleo di volontari.

Ciascuna organizzazione può candidarsi con un numero di volontari da un minimo di 5 a un massimo di 10. Tutte le organizzazioni che desiderano partecipare alla campagna possono inviare la propria candidatura, consapevoli dell’impegno che la campagna richiede, dalla formazione alla giornata in piazza.

Le organizzazioni che si candidano per la prima volta (gruppo ‘a’) e le organizzazioni che hanno partecipato alle edizioni 2011, 2012, 2013, 2014 (gruppo ‘c’), partecipano a un percorso formativo sul territorio realizzato dai formatori Io non rischio, che si svolgerà in uno di questi tre weekend: <strong>20-21 maggio, 10-11 giugno o 24-25 giugno 2017. Le organizzazioni che hanno svolto la formazione con i formatori nazionali Io non rischio per prepararsi alle edizioni 2015-2016 (gruppo ‘b’), partecipano il 15 e 16 luglio 2017 a un unico incontro formativo in varie sedi diffuse sul territorio. In questo incontro saranno illustrate la modalità di svolgimento della campagna e le novità dell’edizione 2017. Per tutte le organizzazioni, nel mese di settembre verrà organizzato un momento in cui i volontari che condivideranno la stessa piazza provinciale potranno incontrarsi e lavorare insieme.
La raccolta delle candidature si svolge dal 10 aprile all’8 maggio 2017.

Comune/associazioni regionali
Un Comune può candidarsi qualora nel territorio comunale siano presenti un gruppo comunale o un’associazione di volontariato di protezione civile in grado di garantire la partecipazione di un numero di volontari da un minimo di 5 a un massimo di 10, che possano essere formati.
In tal caso compila questo modulo e invia la candidatura alla Regione/Provincia autonoma, all’attenzione del referente regionale della campagna. Sarà poi il referente a comunicare al Dipartimento della protezione civile le candidature della propria Regione/Provincia autonoma entro l’8 maggio 2017.
Allo stesso modo, le associazioni di volontariato di protezione civile locali o territoriali possono inviare la richiesta al referente regionale della campagna Io non rischio sempre tramite questo modulo, informando il Sindaco della candidatura.
Sezioni locali di organizzazioni nazionali di volontariato
referenti delle organizzazioni nazionali di volontariato raccolgono le disponibilità a partecipare alla campagna da parte delle sezioni locali, che fanno richiesta tramite questo modulo.

Le candidature vengono valutate dal Gruppo di coordinamento, che si riserva la facoltà di autorizzarle sulla base delle esigenze legate all’organizzazione della piazza provinciale.

Perché un’associazione di un piccolo Comune ha interesse a candidarsi all’evento nel capoluogo di provincia?
Io non rischio è una campagna permanente. Per l’edizione speciale le associazioni della provincia collaboreranno per realizzare una super piazza nel capoluogo di provincia, tuttavia nel corso dell’anno sarà possibile replicare l’evento nel proprio Comune nell’ambito di iniziative i cui temi devono essere necessariamente connessi a quelli della campagna “Io non rischio”.

Chi ha il ruolo di responsabile di piazza nella super piazza provinciale?
Non ci sarà un unico responsabile di piazza, come per le edizioni precedenti, ma sarà identificato un referente per ciascuna associazione, ognuno dei quali potrà avere un compito diversificato in considerazione del fatto che l’organizzazione dell’edizione speciale comporterà un impegno su vari fronti (es. responsabile logistica, responsabile comunicazione e stampa…)

Chi si occupa quest’anno della richiesta di utilizzo del suolo pubblico?
La richiesta non sarà a carico dei volontari ma, in considerazione della tipologia di evento da realizzare, è necessario che sia la struttura di protezione civile del Comune del capoluogo di provincia ad occuparsi della questione.

I volontari seguiranno un percorso formativo multirischio?
Ciascuna associazione sarà formata sul rischio indicato nel modulo di candidatura. La formazione multirischio, dunque, non è obbligatoria.

È possibile coinvolgere le strutture operative nella realizzazione della piazza e dell’evento?
Sì, ma a condizione che il coinvolgimento sia strettamente connesso alla realizzazione della campagna e coerente con i suoi principi di base. Si potrà ipotizzare un coinvolgimento che illustri, con immagini e testimonianze, l’intervento delle strutture operative in eventi del passato che hanno segnato la storia del territorio provinciale interessato e, quindi, a supporto della linea del tempo, che quest’anno, naturalmente, dovrà essere concepita in modo coerente con la particolarità dell’iniziative: in sede di formazione verranno fornite indicazioni pratiche anche su questo aspetto.

È possibile che una piazza delle edizioni 2015-2016 partecipi con 5 volontari coinvolgendone altri (1 o 2) non formati?
Sì, ma questi ultimi dovranno partecipare al ciclo formativo intero previsto tra maggio e giugno per le piazze nuove e quelle delle edizioni 2011-2014.