La campagna

L’edizione 2016 di Io non rischio si svolge nel weekend del 15 e 16 ottobre, con circa 700 piazze distribuite su tutto il territorio Italiano. Obiettivo della campagna è diffondere le buone pratiche di protezione civile e la consapevolezza rispetto ai rischi terremoto, maremoto e alluvione.

In particolare, quest’anno si parlerà di rischio alluvione in più di 350 piazze, grazie ai volontari di protezione civile delle organizzazioni nazionali Agesci, Ana, Anai, Anc, Anpas, Anvvfc, Associazione Nazionale Farmacisti, Cisom, Cives, Cngei, Cri, Era, Fin, Fir-CB, Lares, Legambiente Onlus, Misericordie d’Italia, Modavi, Prociv Arci, Prociv Italia, Federazione Psicologi per i Popoli, Rnre, Unitalsi, Vab e con le associazioni regionali e i gruppi comunali.

La campagna Io non rischio Alluvione, nata in via sperimentale nel 2014, è promossa e realizzata da: Dipartimento della Protezione Civile, Anpas- Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Consorzio della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, in collaborazione con AIPo – Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa ER – Agenzia regionale per la prevenzione e l´ambiente dell´Emilia-Romagna, Autorità di bacino del fiume Arno, Cami-Lab – Laboratorio di Cartografia Ambientale e Modellistica Idrogeologica dell’Università della Calabria, Cima – Centro internazionale in monitoraggio ambientale, Irpi – Istituto di ricerca per la Protezione idrogeologica e Ispra – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale.

Contact Us